3 Modi per Smettere di Auto-Sabotarti

autostima benessere coaching crescita personale felicità iopensopositivo mente obiettivi sviluppo Jan 03, 2023

Avresti mai pensato che per dare una svolta alla propria vita bastasse osservare una mosca?

Continua a leggere e scoprirai perchè…

 

L’estate è una delle mie stagioni preferite.

Amo molto il caldo (soffrendo altrettanto il freddo), e ammiro con infinita gratitudine la rinascita che la natura compie in questa stagione.

Le piante si riempiono di fiori e frutti, il sole scalda e illumina ogni cosa per buona parte della giornata, e nel cielo c’è un gran fermento di uccelli ed insetti.

Proprio a proposito di insetti, qualche giorno fa è entrata l’ennesima mosca in casa mia; prevedibilmente ha volato verso la luce del vetro di una finestra, e altrettanto prevedibilmente ha continuato a volare freneticamente incollata alla superficie di quel vetro senza quasi mai staccarsene.

Appena l’ho vista mi sono premunita di un rigido foglio di carta, ho spalancato la finestra, e con gesti decisi l’ho “guidata” più volte con la mano verso l’esterno interrompendo ad ogni tentativo il suo volo vorticoso.

Non ho ricavato dei grandi risultati, perché sebbene a tratti la mosca si staccasse dal vetro, un istante dopo ci rivolava compulsivamente sopra quasi fosse “cieca” allo spazio all’aperto che si stagliava oltre il profilo del serramento.

“Hai tutti questi occhi”, riflettevo, “e ti ostini a non vedere la via d’uscita che ti potrebbe salvare. Se solo ti alzassi un po’ più in volo, e guardassi la situazione così come la sto osservando io assumendo il mio punto di vista…capiresti che sei solo tu il più grande limite alla tua libertà”.

Di pensiero in pensiero, ho iniziato a ponderare anche altre situazioni di carattere più generale.

Per esempio quante volte noi esseri umani (sì, proprio noi dell’umana specie) ci comportiamo esattamente come la mosca di cui ti ho appena parlato?

Ossia quanto frequentemente tendiamo a fare e rifare sempre gli stessi errori, e siamo incapaci di mettere a fuoco realtà alternative che potrebbero dare una svolta alla nostra vita?

Hai pensato che i problemi e le difficoltà della tua esistenza, potrebbero dipendere dall’incapacità che hai di riuscire a guardare alle situazioni da una rinnovata prospettiva e ben più efficaci punti di vista?

Quanto spesso un problema non è mail IL problema, e piuttosto è come reagiamo alle circostanze ad essere l’unico vero problema?

Se vuoi evitare di essere vittima di te stesso e desideri dare una svolta alla tua vita, ti consiglio 3 semplici strategie di cui fare tesoro:

 

#1 Integra il feedback

Il significato letterale di feedback è “cibo indietro”, e in effetti il feedback è proprio un nutrimento che viene reso a crescita e sviluppo di colui che ne sia destinatario.

Talvolta i migliori insegnanti sono gli amici ed i colleghi di lavoro, talaltra invece le esperienze occasionali e fortuite della vita.

È piuttosto ovvio che azioni identiche nel tempo, producano risultati altrettanto invariabili giorno dopo giorno. Pertanto, è opportuno ti impegni a fare qualcosa di diverso (in termini di pensieri, comportamenti, emozioni, parole, etc.) se vuoi creare occasioni e situazioni differenti per la tua vita.

Le capacità si affinano con la pratica, a patto che quest’ultima sia condotta con attento discernimento privo di ripetitività fini a se stesse.

Se noti che una strategia non ti sta conducendo ai risultati sperati, cambia strada…cambia tecnica…in altre parole, integra le risposte che il contesto ti sta offrendo e rinnova i tuoi comportamenti.

Evita di restare ancorato a convinzioni e comportamenti che stanno conducendo la tua esistenza e strade senza via d’uscita, e disponiti a fare tesoro di ogni singola esperienza di vita.

  • Se una strategia non funziona, che senso avrebbe continuare a replicarla?
  • Come puoi allinearti alla vita, se dalla vita non raccogli i consigli che ti vengono offerti?

Al di là delle parole e dei ragionamenti, sono i fatti quelli che contano; ed è fondamentale valorizzare ogni vissuto integrandolo nel quotidiano per aggiornarlo e rinnovarlo.

  • Quanto è faticoso (sia mentalmente che fisicamente) spendere energie per risultati che stentano ad arrivare?
  • Quanto è frustrante sbattere contro l’invisibile superficie limitante delle stesse situazioni esistenziali?
  • E quanto è insensato attendere risultati diversi da comportamenti invariabilmente identici?

Non puoi commettere lo stesso errore due volte. La seconda volta, non è più un errore bensì una scelta.

–Cit.

 

# 2 Rischia e sii flessibile

A volte le persone preferiscono la certezza dei loro problemi quotidiani, piuttosto che l’incertezza di un cambiamento.

Tuttavia i cambiamenti sono alla base di qualsiasi forma di evoluzione, e non ci sarà mai alcun progresso fintanto che non ti concederai di rischiare sperimentando nuovi scenari di pensiero e di comportamento.

Quand’è stata l’ultima volta che hai fatto qualcosa per la prima volta?

Può trattarsi di cose semplici, come assaggiare un nuovo cibo, programmare le vacanze in un posto in cui non sei mai stato, o lavarti i denti con la mano che di solito non usi.

Datti il permesso di cambiare e di sperimentare, e rammenta che soltanto colui che osa fare qualche passo in più riesce a comprendere di poter anche fare dei passi oltre…

Ogni grande avventura comporta grandi rischi e difficoltà (“no pain, no gain” dicono gli anglosassoni), ma sicuramente anche la tangibile possibilità di cambiare scenario ai tuoi problemi quotidiani; potrebbe dunque valerne la pensa, non credi?

La pura di un male ci conduce ad un male peggiore.

– Epicuro

 

# 3 Assumi il controllo della tua vita

L’ aspetto fondamentale di ogni miglioramento ha a che fare con la consapevolezza.

Come posso soddisfare i miei bisogni se non mi rendo conto di avere alcuna esigenza in particolare?

Fintanto che un problema non esiste, non esisterà nemmeno la necessità di una sua soluzione.

Prendi in mano la tua vita, e acquisici pienamente la responsabilità di ciò che vivi e sei chiamato ad affrontare.

Smetti di dare colpa al destino per i problemi che attraversi, dirigi l’attenzione su di te, ed aiutati ponendoti le seguenti domande di autocoaching:

  • In quale altro modo posso affrontare questa situazione?
  • Come cambierebbero le cose se cambiassi prospettiva e punto di vista?
  • Che cosa di importante manco di considerare e mi ostino a non “vedere”?

Non basta avere una buona mente; la cosa più importante è usarla bene.

– Cartesio

Che tu creda di farcela oppure no, rammenta che avrai comunque sempre ragione.

Se pensi di essere finito in una strada senza uscita, di non avere più alcuna possibilità di emersione e di essere in scacco per mano della mala sorte, inevitabilmente desisterai dal cercare (e trovare) alcuno sbocco risolutivo per la tua vita.

Diversamente, se sei disposto a credere ci sia molto di più di ciò che stai percependo e desideri adoperarti in prima persona per cogliere e integrare ciò che al momento risulta invisibile ai tuoi occhi, ti assicuro che una via la troverai, o in alternativa, sarai tu stesso a costruirla.

 

Buona vita, e mi raccomando… lascia un feedback al post usando lo spazio ai commenti più sotto!

Grazie ðŸ™‚

>>> L’articolo è stato pubblicato anche su Omnama, la community online di appassionati di crescita personale più grande in Italia (oltre 80.000 iscritti)! Vieni a scoprilo cliccando qui ðŸ™‚

Iscriviti alla Newsletter! Subito un omaggio per te